Daikengo

Daikengo

Daikengo, il guardiano dello spazio, è il protagonista di una serie giapponese di cartoni animati. Gli episodi, trasmessi nel 1978, sono stati 26.

Nella storia il pianeta Emperius è sotto l’attacco del pianeta Magellano. Il principe Samson, erede al trono di Emperius e suo difensore, cade in battaglia ed il re Empel prende la decisione di risvegliare il dio demone Daikengo. Si tratta di un robot potente ed enorme che viene attivato ogni 950 anni dalle radiazioni di una cometa, la cosiddetta “Stella del Guardiano”.

Il re, che ha altri due figli, decide che sarà il minore, il quindicenne Yuga, a pilotare Daikengo, poiché il maggiore, il diciassettenne Ryger, è diventato il nuovo principe ereditario. Il giovane Yuga è, tuttavia, spaventato dal ruolo assegnatogli dal padre. Ryger, allora, entra furtivamente nel robot e parte verso lo spazio, insieme ad un robot maschile pilota, Anike, uno femminile meccanico, Otoke, e Cleo, la figlia del Primo Ministro.

Il fratello maggiore di Ryger, Samson, in realtà non morì in battaglia ma fu soccorso e salvato da uno scienziato nemico dissidente. Questi lo trasformò in un cyborg, il solo modo per farlo restare vivo. Samson, sotto il nome di Bryman, è un vagabondo spaziale che pilota un’astronave a forma di cavallo e diverse volte nel corso della storia aiuta Ryger durante le battaglie.

Il pianeta Magellano è protetto da una continua tempesta spaziale che solo i nativi sanno come attraversare indenni, grazie ad un radiofaro. Ryger, che attacca insieme a Bryman, riesce a scoprire il modo di entrare. Mentre il comandante delle forze nemiche, Lady Baracross, cerca di distruggere il radiofaro per fermare Ryger, arriva il gratello Yuga con le sue astronavi e riesce a neutralizzare la tempesta. Nella battaglia conclusiva Daikengo affronta Magellano il Grande, il quale avrà la peggio.

Ryger, Bryman, Cleo e Yuga tornano sul pianeta Emperius. Ryger rinuncia al trono, lasciandolo a Yuga e parte sul Daikengo insieme a Cleo, verso lo spazio sconfinato.

You may also like...

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *