Le Tartarughe Ninja

tartarughe-ninja

Le Tartarughe Ninja, nate nel 1984 in un fumetto degli autori americani Kevin Eastman e Peter Laird, sono state protagoniste nel corso degli anni anche di film e cartoni animati.
La prima serie animata esordì nel 1987 e proseguì per dieci stagioni e 193 episodi, fino al 1996. In Italia è nota con il titolo di Tartarughe Ninja alla riscossa.

Le protagoniste sono quattro tartarughe antropomorme e ghiotte di pizza che assumono sembianze umanoidi dopo essere entrate, nelle fogne di New York, a contatto con un misterioso composto chimico. Insieme a loro viene mutato anche un topo appartenuto a un importante maestro di arti marziali, che diviene noto come Maestro Splinter. Questi addestra le quattro tartarughe al ninjutsu. e, essendo appassionato di arte rinascimentale, le battezza con i nomi di quattro grandi artisti di quell’epoca: Leonardo, Raffaello, Donatello e Michelangelo.

Nonostante il mondo non sia a conoscenza della loro esistenza, le Tartarughe Ninja trovano una preziosa alleata nella reporter April O’Neil, che li aiuta a svolgere missioni in superficie. In più di un’occasione, al loro fianco si schiera anche Casey Jones, vigilante con qualche rotella fuoriposto che indossa sempre una maschera da hockey.
Il loro avversario principale è invece Shredder, capo del potente clan ninja del Piede e responsabile della morte del maestro di Splinter.

Al fianco di quest’ultimo si trovano i due criminali mutanti Rocksteady e Bebop, generati rispettivamente da un rinoceronte e un cinghiale. L’altro nemico ricorrente del gruppo è Krang, un alieno a forma di cervello che proviene da un’altra dimensione e che utilizza un esoscheletro per poter interagire con gli umani (tra cui Shredder, di cui è spesso alleato). Il suo scopo è quello di conquistare la Terra con i propri potenti mezzi tecnologici.
La serie fu trasmessa in Italia per intero a partire dal 1989, con una sigla originale scritta da Enzo Draghi e Alessandra Valeri Maneracantata e cantata da Giampi Daldello.

 

You may also like...

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *