Mazinga Z

Mazinga-Z

Mazinga Z: Juzo Kabuto è uno scienziato giapponese che nel 1962 ha partecipato ad una spedizione archeologica con il tedesco Dottor Inferno. Quando nell’isola greca di Rodi viene ritrovato un esercito di guerrieri robot costruito dai Micenei, il Dottor Inferno uccide tutti i suoi colleghi per impadronirsi dei robot e allearsi con l’antico popolo greco che vive nascosto sotto terra. Il suo obiettivo è quello di conquistare il mondo, ma Kabuto riesce a fuggire e una volta tornato in patria costruisce un robot con la potentissima lega Z, Mazinga Z, con lo scopo di difendere il pianeta.

Il robot viene lasciato in eredità a suo nipote Ryo che intraprende una lotta contro Dottor Inferno e i suoi malvagi seguaci. A partire dal Barone Ashura, con metà corpo maschile e metà femminile, e il Conte Blocken, un ufficiale nazista risvegliato dal coma. Al fianco di Mazinga Z ci sono Afrodite A, un robot dalle sembianze femminili, guidato da Sayaka Yumi, e Boss Robot, privo poteri e involontariamente comico coi suoi movimenti goffi.

Dottori Inferno prova in tutti i modi a sconfiggere Mazinga Z ma tutti i suoi robot falliscono e allora chiede aiuto al popolo dei Micenei. Il loro ambasciatore, il Granduca Gorgon, fornirà altri robot per provare ad eliminare Ryo e il suo Mazinga Z ma anche questi saranno sistematicamente sconfitti. L’unico risultato che riescono ad ottenere è quello di distruggere Afrodite A, che però viene rimpiazzata da Diana A che si rivela essere ancora più forte.

Si arriva così allo scontro finale con il Dottor Inferno e il Conte che verranno uccisi ma Gorgon fa partire un attacco di massa nel quale Mazinga Z sarà seriamente danneggiato. La situazione è risolta dall’arrivo del Grande Mazinga, costruito in gran segreto da Kabuto.

In Italia saranno trasmessi nel 1980 solo 51 dei 92 episodi originali andati in onda in Giappone dal 1972 al 1974. I tagli non hanno riguardato solo il numero degli episodi ma anche la lunghezza che è passata dai 22 minuti a 19, eliminando soprattutto i dialoghi.

You may also like...

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *