Shazzan

shazzan

Due fratelli gemelli viaggiando sulla costa Maine negli USA si trovano travolti da un forte temporale che li costringe a trovare presto un riparo. Ed ecco che, avvistata una grotta, vi entrano e tra tutti i tesori che ammirano, attirano la loro attenzione due anelli del tutto particolari sui quali ci sono le scritte Shaz in uno e Zan nell’ altro. Ma l’ aspetto a dir poco surreale sta nel fatto che dalla loro unione formano la parola “Shazzan” facendo apparire un genio davvero gigantesco alto parecchi metri e sempre pronto a soddisfare i desideri dei due fratelli che diventano i suoi padroncini. Insieme saranno catapultati in un’ altra dimensione, in un mondo a dir poco fantastico ed irreale, un pò quello che tutti sognano che accadesse nella realtà. Inizia così la loro avventura per niente libera dalle difficoltà e dalla cattiveria di gente che rapina e saccheggia, ma anche di maghi fin troppo malvagi. Ma per i due protagonisti basterà semplicemente unire gli anelli per far apparire il genio che risolverà tutti i loro guai, che li aiuterà nei momenti duri e ai quali regalerà un mantello che li renderà invisibili al momento del bisogno.

Ma ancora più particolare è la presenza del loro cammello che , munito di ali, li accompagnerà nel mondo parallelo sul quale viaggiano. La loro particolare esperienza durerà finché non troveranno il proprietario degli anelli per essere liberati dalla loro lunga prigionia. I protagonisti principali sono i due fratelli CHUCK e NANCY, il genio SHAZZAN ed il cammello KABUBI. Un cartone animato statunitense basato su scene avventurose e fantastiche che attira l’attenzione di coloro che lo seguono. Il cartone, così come i suoi fumetti, è stato realizzato nel 1967 in due episodi, per un totale di 36 puntate e trasmesse dalla CBS. Il suo disegnatore è il noto fumettista Alex Toth. Arrivato in Italia nel 1980 è stato realizzato dalla casa di produzione Hanna&Barbera. La sigla italiana basata solo su musica dai toni orientali riassume le scene centrali della mitica serie.

You may also like...

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *